Eventi Verdi, Viaggiare Sostenibile
comments 4

Ai mercatini di Trento con Flixbus

I mercatini di Natale per me sono un must ogni inverno. È la voglia di entrare per qualche ora dentro una fiaba, immergermi in quell’atmosfera sbrillucicosa natalizia che mi faceva sognare quando guardavo i film di Natale da bambina.

I mercatini di Natale più belli li ho praticamente visitati tutti: Merano, Bolzano, Levico Terme, Bressanone e naturalmente Trento. Ogni volta torno senza aver comprato assolutamente nulla (!), nemmeno una pallina da appendere all’albero, ma io ci vado per il tripudio di colori, luci, profumi che rimandano al Natale dell’infanzia e mi godo un tempo sereno, dove mi sento più aperta alla meraviglia, allo stupore bambino nascosto tra le ciglia.

I mercatini di Natale di Trento

Uno degli espositori di addobbi natalizi del mercatino di Trento

Ai mercatini di Trento ci torno sempre volentieri: vuoi perchè per me è facilmente raggiungibile, vuoi perchè le tipiche casette di legno si estendono su ben due piazze, Piazza Fiera e Piazza Cesare Battisti, con ben 93 espositori di magia natalizia fatta di artigianato tipico, addobbi e golosità trentine.

Anche questa 26esima edizione è un viaggio tra le materie prime e gli ingredienti che caratterizzano questo territorio: legno e lana, che si trasformano in statuine per il presepe, addobbi, imbottiture per profumati cuscini, caldi calzini, pantofole, sciarpe colorate.

Per non parlare degli altri prodotti della natura come le piante officinali e gli olii essenziali, con cui vengono creati prodotti per la cura del corpo e della casa.

È innegabile che uno dei motivi per cui si va ai mercatini natalizi in Trentino sia il cibo: dai più classici canederli (assaggiati con le verze e le ortiche, chevvelodicoaffà), al formaggio fuso con polenta, dai bretzel al paradiso zuccheroso di strudel, strauben e mele in camicia, le casette del mercatino diventano un paradiso di sapori intensi e profumati.

canederli ai mercatini di trento
Un piatto di golosi canederli alle ortiche

Ma quando nascono i mercatini di Natale in Trentino? A quanto sembra, le origini risalgono addirittura al XIV secolo in Germania con i cosiddetti “Mercatini di San Nicola”, che inizialmente erano l’unica occasione che si aveva durante l’anno per acquistare gli addobbi natalizi.

Il mercatino di Trento è green

Una delle casette del mercatino di Trento con borse di materiale riciclato

C’è un (buon) motivo in più per andare al Mercatino di Natale di Trento: anche per il 2019 si conferma come un evento green, grazie alle diverse iniziative adottate per il rispetto dell’ambiente e della sostenibilità.

mercatino di trento è sostenibile
Il mercatino di Trento 2019 è sostenibile

Grande attenzione viene infatti data alla raccolta differenziata e all’utilizzo di stoviglie lavabili o compostabili, che permette di ridurre al minimo il rifiuto residuo che non può essere riciclato: tutti i ristoratori presenti servono i ghiotti piatti tipici trentini su piatti biodegradabili (anzi, commestibili, perchè realizzati con l’impasto del pane) e posate compostabili, mentre per servire bevande come il mitico vin brulè si usano le tazze in ceramica, la cui grafica cambia ad ogni edizione: ideali da collezionare!

tazze mercatino di trento
Le tazze del mercatino di Trento 2019

Passando al consumo energetico, tutta l’energia elettrica utilizzata durante il Mercatino di Natale di Trento viene interamente prodotta da Dolomiti Energia S.p.A. utilizzando fonti rinnovabili: l’energia arriva dalle centrali idroelettriche delle Dolomiti ed è pulita al 100%, con origine garantita dal Gestore dei Servizi Energetici.

Anche la comunicazione del mercatino strizza l’occhio all’ambiente: brochure e mappe sono realizzate in carta eco-certificata (a marchio FSC) a basso impatto ambientale.

Viaggiare (più) sostenibile verso i mercatini di Trento

Con Flixbus raggiungi comodamente i mercatini di Trento

Si può fare qualcosa in più per ridurre l’impatto ecologico del mercatino: raggiungerlo con un mezzo pubblico come l’autobus, come ho fatto io.

Grazie alla compagnia tedesca Flixbus è possibile raggiungere Trento comodamente da molte città d’Italia, anche del Sud. Viaggiare a bordo di un mezzo di trasporto pubblico come l’autobus è un buon modo di ridurre le emissioni di CO2 prodotta per chilometro, rispetto all’auto (anche perchè, meno auto in circolazione, meno emissioni).

mercatini di trento prodotti artigiani
Con Flixbus puoi raggiungere il mercatino di Trento

Flixbus si impegna fortemente per compensare l’impatto che ha la circolazione di mezzi su strada: la sostenibilità ambientale è infatti al centro dei valori aziendali della compagnia.
In primis, Flixbus impiega rigorosamente autobus di categoria Euro V o superiore per limitare le emissioni di CO2 e sottopone i propri autisti a training dedicati affinché adottino uno stile di guida a bassissimo impatto ambientale.

Tra le altre azioni importanti a favore dell’ambiente, il finanziamento di progetti certificati di Atmosfair, organizzazione impegnata nella tutela del clima, attraverso i contributi alla tutela ambientale versati dai passeggeri nel momento dell’acquisto del biglietto. In pratica, in fase d’acquisto, puoi scegliere di pagare una piccola quota aggiuntiva (in genere pochi centesimi, a seconda della lunghezza del viaggio) che servirà per compensare le emissioni.

I progetti sovvenzionati grazie ai contributi volontari

Attraverso i contributi volontari dei suoi passeggeri, nel 2017 FlixBus ha finanziato il progetto Atmosfair Gold-Standard, accreditato dall’ONU e finalizzato alla distribuzione in Ruanda di forni ad alta efficienza energetica, richiedenti circa l’80% di legna in meno rispetto a quelli tradizionalmente utilizzati nel Paese: in questo modo si sono salvaguardate le foreste locali, che rappresentano, fra le altre cose, uno degli ultimi habitat naturali dei gorilla di montagna al mondo. Tra i benefici derivanti dall’implementazione dei nuovi forni, il miglioramento delle condizioni di salute dei proprietari, prima esposti alle emissioni di forni più inquinanti.

Sebbene il mezzo di trasporto più ecologico resti in generale il treno, in Italia ci sono località turistiche servite male dalla rete ferroviaria: ecco quindi che Flixbus può e essere la soluzione migliore, soprattutto per le lunghe tratte.

A tre anni dall’arrivo in Italia, i pullman Flixbus collegano oggi oltre 500 città italiane. Dopo essere approdata in diverse regioni italiane, la compagnia tedesca alla fine del 2018 è arrivata a coprire con le sue linee di trasporto anche Sicilia e Calabria.

Puoi consultare le azioni a favore della sostenibilità messi in atto da Flixbus qui https://www.flixbus.it/green-movement

Mercatino di Trento: aperto fino all’Epifania!

piazza di trento addobbata

Puoi fare il pieno di atmosfera natalizia (oltre che di ottimo cibo trentino) anche dopo il 25 Dicembre: gli espositori di Trento terranno aperte le loro casette in legno infatti fino al 6 gennaio. Questi gli orari:

  • dalla domenica al giovedì dalle 10.00 alle 19.30
  • venerdì e sabato dalle 10.00 alle 20.30
  • sabato 14 dicembre 2019 e sabato 4 gennaio 2020 aperto dalle ore 10.00 alle ore 23.00
  • il 26 dicembre 2019, il 1° e il 6 gennaio 2020 aperto dalle 10.00 alle 19.30

Ricorda, il giorno di Natale il Mercatino è chiuso, pure i commercianti hanno il sacro diritto di stare in famiglia!

4 Commenti

  1. Roberta Dona says

    Quest’anno, causa un infortunio , non ho potuto vivere la magia del Natale visitando i tradizionali mercatini nelle tipiche città o Borghi della bella italia
    Grazie Selene, attraverso le lettura del tuo articolo, mi sembra di aver rivissuto l’evento
    Ti chiedo una informazione e cioè dove si trova,
    se c’è, fermata del flixfus a Rovigo
    Andare a Padova non mi sembra conveniente
    Buone feste
    Auguri auguri e ancora auguri di tante tante cose belle

    • Ciao Roberta cara! Innanzitutto Buone Feste (e spero che il tuo piede si rimetta presto!) a te e alla tua splendida Famiglia!
      Grazie anche per aver letto il mio articolo e sono contenta di averti fatto vivere un po’ l’atmosfera dei mercatini, che scalda sempre il cuore!
      Per quanto riguarda Flixbus, purtroppo non ci sono fermate a Rovigo, ma le più vicine a noi sono Padova e Ferrara…però le tariffe sono molto convenienti e viaggiare in bus è comodo e permette di ridurre le auto in circolazione 😉

  2. A Trento ci vivo e forse proprio per questo non ho mai apprezzato fino in fondo i mercatini: le cose che abbiamo, le diamo troppo per scontate e l’erba del vicino è sempre più verde (io ho un debole per i mercatini alto atesini).

    Ma, ogni anno, non mi faccio scappare gli acquisti nei miei due stand preferiti: acquistare cartoline e oggettistica da regalare nello stand di Fabio Vettori (l’adoro, così come chi li riceve). E dall’altra, c’è uno stand dove compro abitualmente gli incesi e i diffusori per ambiente: oramai sono diventata dipendente da loro.

    • Concordo con te sul fatto che spesso si rischia di dare per scontato ciò che si ha “a portata di mano”: per questo invito ad allenare sempre la curiosità, anche nell’ambiente in cui viviamo tutti i giorni!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *